Non lo so nemmeno io perché sto facendo sta cosa. Io so che nessuno mai si metterà a leggere le mie dissertazioni semiassurde su chi siamo o meglio, chi sono, cosa faccio, cosa penso ecc ecc. Non le leggerà nessuno perché non sono interessanti, semplicemente perché io non sono così interessante da valere il tempo di nessuno delle persone che possano capitare casualmente a posare gli occhi su queste righe.
Non so nemmeno perché le sto mettendo (pubblicare è una parola troppo impegnativa) qui, potenzialmente visibili a tutti, anche se in pratica a nessuno. Mettiamola così, credo che questo sia solo un modo per dire a me stesso - ti sei preso l’impegno di scrivere, ora lo devi fare - perché io mi conosco, tanto entusiasta all’inizio quanto poco resistente nel tempo. Comunque è il caso che mi/ci/vi metta in guardia, questo potrebbe essere il primo e unico scritto di una serie inesistente.
L’idea? L’idea non mi è affatto chiara, ed è molto probabile che un’idea precisa non prenderà nemmeno mai forma, ma non interessa, giusto? Questa cosa è un mio pensare ad alta voce, uno scrivere dei dubbi e dei pensieri che quotidianamente affollano la mia testa, ma non c’è uno scopo preciso, forse solo tenere traccia, scriverli affinché non svaniscano, scriverli per rileggerli io, forse, tra qualche anno, quando sarò vecchio.
PS. Non c'è nulla a pagamento.
 

0.0¢
0.0¢

No one has reviewed this piece of content yet